Lunedi 15 10 2018 - Aggiornato alle 15:53

vini_milazzo
Dal 6 al 9 aprile Milazzo festeggia al Vinitaly 40 anni di ricerca e qualità - 01/04/2014

Numeri importanti quelli previsti per il 2014 in “casa” Milazzo. L’anno nel quale l’azienda di Campobello di Licata (Agrigento) si è posta obiettivi ambiziosi e raggiungerà numerosi traguardi che presenterà in occasione della quattro giorni del Vinitaly a Verona dal 6 al 9 aprile.

“Dopo un 2013 davvero incoraggiante, con una crescita del fatturato sana e ponderata, che negli ultimi dieci anni si è attestata in media oltre il 10%, il 2014 sarà un anno importante, per il quale ci attendiamo un incremento in linea con il nostro trend consolidato”. A dichiararlo è Saverio Lo Leggio, direttore generale dell’azienda agricola Milazzo.

“Una crescita costante che ci ha permesso, in questi anni, di incrementare la produzione a piccoli passi, senza stravolgere i processi produttivi e favorendo un continuo miglioramento qualitativo. Il 2014 vedrà giungere a compimento un rilevante progetto infrastrutturale e tecnologico, sia per le dimensioni che per l’impatto positivo che avrà sui processi produttivi. Grazie a questo terzo ampliamento, la superficie della nostra cantina e centro di vinificazione e stoccaggio, adesso, supera i 10 mila metri quadri, di cui oltre 2 mila locali sotterranei termocondizionati. Si tratta di un investimento considerevole per il rinnovo tecnologico dei nostri impianti di vinificazione e maturazione, con la realizzazione di un layout produttivo sempre più funzionale e sostenibile".

Questo sarà anche l’anno degli anniversari: nel 1974 Giuseppe Milazzo, da vero pioniere, realizzò il primo “tiraggio” in azienda, per il suo primo spumante metodo classico. Decenni di spumantizzazione nel corso dei quali l’azienda si è potuta avvalere delle comèetenze e delle conoscenze dell’enologo Cesare Ferrari, che ha messo a disposizione la sua pluriennale esperienza, fondamentale per ottenere il meglio dalle uve per la spumantizzazione, e della preziosa consulenza dell’agronomo Pierluigi Donna e dell’enologo Angelo Divittini.

“Si tratta di un traguardo che poche aziende possono vantare, specie a certe latitudini, lo festeggeremo durante il 2014, con iniziative che sveleremo nel corso dell’anno”, afferma Giuseppina Milazzo, vicepresidente dell’azienda. "Sempre in tema di anniversari - continua - questa è la nostra ventesima partecipazione consecutiva al Vinitaly. Siamo molto legati a questa manifestazione che, dal 1994 ad oggi, ci ha regalato tante soddisfazioni grazie anche ai numerosi riconoscimenti che ci sono stati assegnati, nei vari anni, dal concorso enologico internazionale. Per questi motivi, abbiamo scelto la manifestazione veronese, per presentare la nuova immagine coordinata dell’azienda: una “virtuosa evoluzione” che va dalle etichette di tutti i nostri vini e spumanti al sito internet, a tutti gli strumenti di comunicazione. Il 1994, inoltre, fu l’anno del nostro primo spumante metodo classico millesimato: il Federico II. Un prodotto - conclude la vicepresidente Milazzo - a cui siamo molto legati, che ha ricevuto numerosi riconoscimenti ed un grande apprezzamento da parte di intenditori e addetti ai lavori”.

Proprio lo spumante metodo classico Federico II Millesimato 2006 sarà tra i 16 vini siciliani protagonisti dello speciale evento organizzato al Vinitaly dalla testata online Cronache di Gusto in Sala Argento martedì 8 aprile con inizio alle ore 10.30, condotto da Roberto Petronio, una delle firme di punta della Revue du Vin de France.

L’azienda agricola Milazzo–Terre della Baronia produce i propri vini esclusivamente con le uve dei suoi 75 ettari di vigneti, posti tra le colline a Nord Est di Campobello di Licata, in provincia di Agrigento, a quote intorno ai 400 metri di altitudine. Grazie ad un terroir particolarmente vocato per la coltivazione della vite, nel pieno rispetto dei ritmi della natura, in regime di agricoltura biologica, si raccolgono uve dense di note aromatiche, che danno vita a vini rossi di grande carattere, bianchi di persistente profumo e spumanti metodo classico dalla forte personalità.

Solo raccolta manuale, rigoroso controllo delle temperature per una perfetta fermentazione, un’equilibrata armonia tra passaggio in acciaio e maturazione in barriques di legni pregiati, fino all’affinamento in bottiglia nelle innovative cantine dell’Azienda Agricola Milazzo nel cuore delle Terre della Baronia. Un palmarès internazionale con oltre 220 riconoscimenti nei più importanti concorsi europei, dal 1994 fino ad oggi.

SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

scrivi alla redazione